Una città aspirante mafiosa Bagheria


Ho sempre pensato che a Bagheria i sentimenti più diffusi fossero la cattiveria e l’invidia, a distanza di tempo mi rendo conto che bisogna aggiungerne uno, forse il più pericoloso, perché da solo riesce a distruggere tutto ciò che di positivo può esserci nell’essere umano. Tale sentimento è l’arroganza. Quando un bagherese (qualcuno dice bagarioto come a determinarne con tale denominazione le qualità positive, ma in realtà mostrano appunto la grande arroganza) ti dice che lui è meglio di te, in realtà ci crede veramente. Può essere l’ultimo dei miserabili come il professionista stimato e famoso (almeno nell’entourage pseudo mafioso del parentado o amicale) a fare di tale sentimento un vero e proprio vessillo. Quando a Bagheria non ti conoscono, non ti chiedono “chi sei?” ma ti chiedono “A ccu appajtieni?” (a chi appartieni) perché Bagheria è un posto dove la “famiglia” è importante, più della tua stessa esistenza. Parlare di mafia a Bagheria è come parlare di morto nella casa dell’impiccato! Una volta uno “sbirro” mi disse che a Bagheria erano tutti catene e catenelle… e io non capii ma adesso ho un’idea molto chiara! Il cinema di Bagheria è tutto questo, un racconto di personaggi sempre in lotta con tutti e solo adoperati a mantenere la propria appartenenza alla “FAMIGLIA”. Apartheid…? Ma non si chiama razzismo? Si Bagheria è una città razzista.

Annunci

5 risposte a "Una città aspirante mafiosa Bagheria"

  1. … Mi conforta sapere che qualcuno (ma ne ero certo e forse anche per più di qualcuno) si sia accorto oltre me della caratteristica del BAGARIOTO. Circa un mese fa il sindaco ad una mesta cerimonia disse che a bagheria manca l’aggregazione di una volta. Disse che era meglio prima, magari in un ambito illegale che adesso, dove tutti sono rinchiusi nel proprio egoismo. Cioè come dire che la mafia non è un male perché da’ lavoro. Se questi sono i pensieri del primo cittadino voglio vedere quelli dell’ultimo. In verità bagheria e ahimè la sicilia sono per me un caso perso. La sicilia va bene per il turista… per caso…! e forse ora come ora devo cominciare a pensare che quest’arroganza si è spostata a livello di nazione…!

  2. … Mi conforta sapere che qualcuno (ma ne ero certo e forse anche per più di qualcuno) si sia accorto oltre me della caratteristica del BAGARIOTO. Circa un mese fa il sindaco ad una mesta cerimonia disse che a bagheria manca l’aggregazione di una volta. Disse che era meglio prima, magari in un ambito illegale che adesso, dove tutti sono rinchiusi nel proprio egoismo. Cioè come dire che la mafia non è un male perché da’ lavoro. Se questi sono i pensieri del primo cittadino voglio vedere quelli dell’ultimo. In verità bagheria e ahimè la sicilia sono per me un caso perso. La sicilia va bene per il turista… per caso…! e forse ora come ora devo cominciare a pensare che quest’arroganza si è spostata a livello di nazione…!

    1. La sicila e bagheria l’educazione non la vogliono. mancherebbe loro il sostrato del malaffare. Poi non farei affatto la “confusione” “FALCONE” GUTTUSO MARAINI TORNATORE. Il primo è morto per le sue idee e per la sua vera lotta continua… gli altri di bagheria e dell’entourage potere-politica-appartenenza, godono del loro status in altre sedi.
      Guttuso non è mai stato a bagheria, tranne per i primi anni (artistici, figurati che ebbe la cittadinanza onoraria) poi di bagheria non è ha voluto nemmeno a brodo. La maraini figlia di alliata e fosco, ha vissuto nella bagheria dei nobili (villa valguarnera) e dalla fame popolare (ed oggi a bagheria non ci passa nemmeno, pur vantando amicizie nell’area sinistra-antimafia, che fa solo gli interessi di loro e dei loro figli, facendo ricatti a destra e a manca) e non fa altro che ricordare “quei bei vecchi tempi” dove gli alberi erano pieni di frutti e la costa era tutta libera (ora è piena di ville di amici e affini…) poi tornatore, che a bagheria ci viene, ha la famiglia! e se non sei BAGARIOTO ti guarda male…! Chi a bagheria ha qualcosa da dire e non ha la forza di “appartenere” è fottuto, destinato alla morte o all’indifferenza…

      1. Dice un detto baarioto “cu pratica u zoppu allannu zuppichia”. Io pure CI SONO ma ne hanno fatto carne da cannone…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...