Spreco immane per la spesa pubblica sulla sanità. Un medico di base può essere un assassino?

[…]

Giovanni Pascoli

da “Fior da fiore” Prose e Poesie

scelte per le scuole secondarie inferiori

Dialoghetti:

dalle Fonografie Valdelsane. di G. Cepperelli, Firenze 1896

Medico condotto

Nencio, appunto te….

Sor dottore…. Bon giorno signoria a lei….

Vieni di laggiù?… Vai al paese ?

Gnor sì.

Il mugnaio come sta ! La medicina che ordinai, la prese ?

Gnor sì.

Gli fece bene ?

Dopo i primi sorsi cominciò a sudare..,

Era certa.

Poi a battere i denti.

Lo doveva fare.

Tutt’a un tratto s’addormentò.

Lo doveva fare.

Poi lo chiappò un tringozzo…, un tringozzo, caro Lei

Lo doveva fare….

Dopo… morì !

Oh !… questo non lo doveva fare.

Articolo tratto dal WEB firmato:

Quanto guadagna un Medico di Famiglia?

di Luciano Pellegrini
Il medico di famiglia è a tutti gli effetti un componente della famiglia. Conosce tutto e più di tutto, anche le cose più segrete. Il paziente ha in lui la massima fiducia. Sa che la sua salute dipende da questa persona e gli vuole bene. Gli perdona tutto anche se per essere visitato deve fare lunghe file, pazienza! Chi è questo medico? Lavora mediamente 4 ore al giorno dal lunedì al venerdì, in totale 20 ore. Qualcuno apre lo studio anche il pomeriggio almeno tre volte a settimana, altre 6 ore. In totale lavora 26 ore a settimana. Il sabato offre la reperibilità telefonica per un paio di ore nella mattina. Ci sono comunque le visite domiciliari.
Anche la associazione professionale dei medici di famiglia appartiene ad una casta. Guai se qualcuno prova ad interessarsi dei fatti loro. Infatti Il Consiglio nazionale della FIMMG, riunitosi a Roma, aveva approvato un calendario di scioperi della categoria per difendere l’autonomia dell’ENPAM, la cassa previdenziale dei camici bianchi, messa a rischio dalle misure previste nella manovra del Governo Monti. Lo sciopero era programmato dal 9 al 12 febbraio. Questione legata ai soldi che versano per la pensione. Però, causa la situazione meteorologica, i medici di famiglia hanno revocato lo sciopero, pur rimanendo in stato di agitazione.
Quanto guadagna un medico di famiglia?
La base è di 80 euro lordi/anno per paziente e poi ci sono le indennità sulle altre attività che vengono svolte, (i dati sono del mese di marzo 2011, dovrebbero essere ancora validi in quanto non mi risulta che ci sono stati rinnovi contrattuali ndr). Con 1500 pazienti il medico di famiglia guadagna 120.000 euro lorde all’anno, con una ritenuta di acconto del 20% operata dalla ASL , al netto fanno 96mila euro, quindi 8mila euro al mese. Mica poco …! Ma non è tutto …
Ci sono inoltre le indennità! Se il medico di famiglia lavora nello studio 12 ore, percepisce altri 1200 euro lordi al mese che è molto superiore a quello di molti lavoratori. Non è ancora finito. Ci sono 74 euro lorde al mese come indennità per usare il computer, inoltre altre indennità per le prestazioni per l’ADI, (Assistenza Domiciliare Integrata) o per le medicazioni o per i vaccini praticati in studio, le partecipazioni a Progetti obiettivo della regione o del Ministero, le schede per le ricerche sanitarie, le partecipazioni a commissioni mediche, i rimborsi per il funzionamento dello studio professionale, il pagamento per una serie di certificati, come per le attività sportive e così via.
Quindi questo amico di famiglia che è sempre sorridente, ancora di più se non ti fai mai vedere, guadagna tutti questi soldi, anzi se viene a farti la visita a casa perché sei febbricitante, quasi quasi mosso a compassione e per bontà per l’ora tardi, gli fai anche qualche regalia.
Caro Ministro della salute Renato Balduzzi, essendo lei un tecnico e quindi non legato alla politica del compromesso, cosa ne pensa di deliberare un decreto legge che stabilisca un massimo di 500 pazienti per medico di famiglia? Le restanti 1000 persone le gestirebbero altri due medici. Il paziente ci guadagnerebbe? Perbacco, i medici di famiglia erogherebbero un miglior servizio e non si farebbero  lunghe attese. I medici si lagnano oltremodo, perché hanno qualche impegno in più come l’Adi (L’Assistenza Domiciliare Integrata) e quindi meno tempo da dedicare ai pazienti. Questo impegno remunerato ha un tetto e anche se superi il numero dei pazienti non puoi guadagnare di più, quindi meglio non eccedere. L’assistito però deve far valere questo suo diritto, perché sembra che il medico se ne dimentica di fare questa visita programmata. Ha mai provato lei, Ministro Balduzzi, a recarsi dal suo medico di famiglia?
Le racconto quello che succede ad un assistito campione! La mattina presto va a fare la fila per prendere il numero. Catturato il numero si organizza la mattinata. Cioè, calcolando che una visita mediamente se va bene dura tre quarti d’ora, sbriga altre faccende per poi tornare in tempo per la visita e non perdere il posto. Si chiederà, ministro Balduzzi, il motivo per cui la visita dura tanto tempo, poverino chissà che malattia avrà! Non si spaventi, l’assistito non ha niente di grave, riesce a parlare con il medico forse 5 minuti. Ed allora? Mentre apri la bocca per esporre il tuo malanno, arriva la prima telefonata, poi apri nuovamente la bocca ed arriva la seconda telefonata e così via sino a quando esci dallo studio. Quello che avresti desiderato fare presente al medico non lo hai fatto, però hai una ricetta, la tua e tante altre delle persone che hanno telefonato. Quasi timidamente e vergognosamente entri nella sala di attesa per depositare le ricette telefoniche e vedendo gli occhi incazzati dei presenti, fai un timido sorriso alla fracchia alzando le spalle. Gli altri pazienti spazientiti che aspettano, faranno la stessa fine, anche loro escono con le ricette!
Se, caro Ministro i pazienti scendono a 500, non le sembra che il cittadino paziente, che paga le tasse può essere meglio trattato e curato? Concludendo, caro Ministro, anche se è ancora giovane, compirà fra pochi giorni 57 anni, pensi ai tanti anziani che sono costretti a file estenuanti presso i medici di famiglia per richiedere un diritto, che è quello della salute, e prendo come esempio l’impegno che lei ha sempre avuto nella chiesa cattolica. Diminuisca il numero dei pazienti ai medici di famiglia!

http://www.abruzzopopolare.it/cultura/46-storia-e-cultura/2780-quanto-guadagna-un-medico-di-famiglia.html

Mie deduzioni.
Premetto che da cinque anni ho cambiato il mio dottore della mutua. L’ho cambiato perché il precedente è andato in pensione. Da cinque anni vi GIURO non vado dal medico, e quando ne ho bisogno vado direttamente da uno specialista a pagamento, ma non è ancora successo dato che non ho avuto problemi (grazie a DIO).
VI GIURO non lo conosco, se lo incontro per strada o al bar non so chi è, e per ricordarmi il suo nome devo guardare il tesserino. Dunque questo signore prende i nostri soldi senza fare alcun servizio. In oltre devi essere fortunato a trovarne uno che sappia almeno visitarti, scambiando un attacco di angina pectoris ed esordento con la risata da ebete … ” è nervosismo… si prenda un po’ di gocce per calmarsi…” dopo due giorni il paziente muore. Magari durante la sua visita ha risposto al telefonino contattato dall’amica dottoressa del Fatebenefratelli che gli annuncia che l’indomani può ricoverare la suocera.
Questo è il medico di base. Uno scribacchino, che si è organizzato un suo entourage per risolversi i problemi suoi e dei suoi amici “particolari”.

Annunci

Legge sull’omofobia è incostituzionale

La legge sull’omofobia è anticostituzionale perché lede il diritto all’espressione e al pensiero del culto (Cristiani, Ortodossi, Islam, ecc..) . Non essere d’accordo ai matrimoni gay non è un’offesa o un oltraggio al diritto personale di accoppiarsi con chi si vuole. Domani si potrebbe ammettere il matrimonio con il cagnetto, la gattina e il puledrino solo perché si “amano” gli animali. Gli uomini e le donne possono stare insieme stretti da un patto regolatore civile.

Lungi dalla procreazione (impossibile) e dalla adozione. Perché altrimenti nelle chiese entrerebbe la polizia ogni volta che verrebbe letto questo passo del vangelo:

Dio creò l’uomo a sua immagine: maschio e femmina li creò (Gen 1, 26-28.31a) In principio, Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra”. Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: “Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra”. Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona.

Perché sarebbe oltraggioso agli occhi dei gay che invece sostengono la naturalità di essere omosessuali.

Per non parlare di tutto questo…:

PARTE TERZA LA VITA IN CRISTO SEZIONE SECONDA I DIECI COMANDAMENTI CAPITOLO SECONDO «AMERAI IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO»

ARTICOLO 6 IL SESTO COMANDAMENTO « Non commettere adulterio » (Es 20,14).

217 « Avete inteso che fu detto: “Non commettere adulterio”; ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore » (Mt 5,27-28). I. «Maschio e femmina li creò…»

2331 « Dio è amore e vive in se stesso un mistero di comunione e di amore. Creandola a sua immagine […] Dio iscrive nell’umanità dell’uomo e della donna la vocazione, e quindi la capacità e la responsabilità dell’amore e della comunione ». 218 « Dio creò l’uomo a sua immagine; […] maschio e femmina li creò » (Gn 1,27); « Siate fecondi e moltiplicatevi » (Gn 1,28); « Quando Dio creò l’uomo, lo fece a somiglianza di Dio; maschio e femmina li creò, li benedisse e li chiamò uomini quando furono creati » (Gn 5,1-2).

2332 La sessualità esercita un’influenza su tutti gli aspetti della persona umana, nell’unità del suo corpo e della sua anima. Essa concerne particolarmente l’affettività, la capacità di amare e di procreare, e, in un modo più generale, l’attitudine ad intrecciare rapporti di comunione con altri.

2333 Spetta a ciascuno, uomo o donna, riconoscere ed accettare la propria identità sessuale. La differenza e la complementarità fisiche, morali e spirituali sono orientate ai beni del matrimonio e allo sviluppo della vita familiare. L’armonia della coppia e della società dipende in parte dal modo in cui si vivono tra i sessi la complementarità, il bisogno vicendevole e il reciproco aiuto.

2334 « Creando l’uomo “maschio e femmina”, Dio dona la dignità personale in egual modo all’uomo e alla donna ». 219 « L’uomo è una persona, in eguale misura l’uomo e la donna: ambedue infatti sono stati creati ad immagine e somiglianza del Dio personale ». 220

2335 Ciascuno dei due sessi, con eguale dignità, anche se in modo differente, è immagine della potenza e della tenerezza di Dio. L’unione dell’uomo e della donna nel matrimonio è una maniera di imitare, nella carne, la generosità e la fecondità del Creatore: « L’uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due saranno una sola carne » (Gn 2,24). Da tale unione derivano tutte le generazioni umane. 221

2336 Gesù è venuto a restaurare la creazione nella purezza delle sue origini. Nel discorso della montagna dà un’interpretazione rigorosa del progetto di Dio: « Avete inteso che fu detto: “Non commettere adulterio”; ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore » (Mt 5,27-28). L’uomo non deve separare quello che Dio ha congiunto. 222 La Tradizione della Chiesa ha considerato il sesto comandamento come inglobante l’insieme della sessualità umana.

AMA e fai ciò che vuoi… questo è Sant’agostino