Pena di morte…? Incredibile

Chi se lo aspettava, dopo la spilla “APRIAMO I PORTI” ora pure “PENA DI MORTE”, incredibile, una cosa del genere, in realtà dovevamo immaginarcelo, dato che l’Articolo 2267 del Catechismo della Religione Cattolica ne autorizza l’uso, pur…

Bha non ci si capisce più nulla… ma come la Chiesa? portavoce della Lieta Novella, la vita eterna, il dovere all’accoglienza, il diritto di nascita contro l’aborto… insomma possibile mai?

In realtà questa seconda foto è una facke foto, si falsa, ma non per questo meno efficace, non foss’altro per mettere in evidenza una delle stranezze dell’ufficio marketing del Vaticano. Recita – “Perchè guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?” (Luca 6,41) –

E poi che facce toste invece che cancellare definituvamente l’articolo si sono limitati a cambiarne la forma in maniera direi maldestra ed ambigua in particolare sono passati da questa forma:

2267 L’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell’identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l’unica via praticabile per difendere efficacemente dall’aggressore ingiusto la vita di esseri umani.
Se, invece, i mezzi incruenti sono sufficienti per difendere dall’aggressore e per proteggere la sicurezza delle persone, l’autorità si limiterà a questi mezzi, poiché essi sono meglio rispondenti alle condizioni concrete del bene comune e sono più conformi alla dignità della persona umana.
Oggi, infatti, a seguito delle possibilità di cui lo Stato dispone per reprimere efficacemente il crimine rendendo inoffensivo colui che l’ha commesso, senza togliergli definitivamente la possibilità di redimersi, i casi di assoluta necessità di soppressione del reo « sono ormai molto rari, se non addirittura praticamente inesistenti ». 1

nota:
(177) Giovanni Paolo II, Lett. enc. Evangelium vitae, 56: AAS 87 (1995) 464.

A questa forma:

2267 La pena inflitta deve essere proporzionata alla gravità del delitto. Oggi, a seguito delle possibilità di cui lo Stato dispone per reprimere il crimine rendendo inoffensivo il colpevole, i casi di assoluta necessità di pena di morte «sono ormai molto rari, se non addirittura praticamente inesistenti» (Evangelium vitae). Quando i mezzi incruenti sono sufficienti, l’autorità si limiterà a questi mezzi, perché questi corrispondono meglio alle condizioni concrete del bene comune, sono più conformi alla dignità della persona e non tolgono definitivamente al colpevole la possibilità di redimersi.

Facendola diventare di fatto una specie di “pena adeguata ad essere inflitta”.

Insomma MARKETING e basta…

Annunci

Il papa del marketing sbaglia i tempi nei verbi…

I papa del marketing sbaglia i tempi dei verbi…I papa del marketing sbaglia i tempi dei verbi…

“La fame non ha presente nè futuro. Solo passato”: Papa Francesco ha scandito queste parole all’Assemblea dei governatori della Fao sottolineando che “non si tratta di uno slogan ma di una verità”, di un obiettivo cioè realizzabile anche se, ha denunciato, oggi “piu’ di 820 milioni di persone soffrono la fame e la malnutrizione nel mondo”. ”La società potrà vincere la battaglia contro fame e povertà se lo decide in modo serio”, ha assicurato Bergoglio.

“La mia presenza desidera portare in questa sede i desideri e le necessità della moltitudine di fratelli che soffrono nel mondo. Vorrei poter guardare i loro volti senza arrossire, perché finalmente il loro grido è stato ascoltato e le loro preoccupazioni sono state affrontate”, ha affermato il Pontefice nel suo discorso in spagnolo in risposta agli indirizzi dei principali dirigenti dell’Agenzia dell’Onu e del premier italiano, Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio ha affermato che “negare il cibo vuol dire negare l’umanità prima che la giustizia, l’uguaglianza e la libertà”.

“Per questo motivo”, ha sottolineato Conte, “occorre restituire la dignità alle aree rurali del mondo e integrare gli esclusi in processi di sviluppo che siano equi e sostenibili”. Il premier ha ricordato che “una persona su nove nel mondo ancora oggi è malnutrita, con una tendenza tragicamente in aumento. Una realtà che fa appello alle nostre coscienze e che ci vede tutti responsabili e vede urgente la necessità di un’azione comune per sconfiggere la fame e la povertà estrema”.

Se non è marketing questo ditemi cos’è… il primo stato al mondo che non conosce nemmeno tutte le sue ricchezze è appunto il Vaticano. Non c’è angolo del mondo dove la chiesa non ha proprietà e interessi politico/economici… dunque partire con un verbo al passato omettendo un “se…” dubitativo è paradossale… poi detto da uno che dovrebbe essere il rappresntante di “dio”… incredibile! E la ciliegina sulla torta la mette pure Conte… che fa marketing pure lui… incredibile… ma del resto si sa PECUNIA NON OLET…

Fonte: https://www.agi.it/cronaca/fao_papa_giuseppe_conte-4998965/news/2019-02-14/

 

 

Una regione all’avanguardia

Dichiarazioni massoniche amministratori L.R. 18/2018

La Regione Siciliana è la prima regione d’Italia in cui i parlamentari regionali e gli amministratori locali hanno l’obbligo di dichiarare l’eventuale iscrizione ad una loggia massonica o “ad associazioni similari”. L’Assemblea regionale siciliana, con 39 voti favorevoli e  due contrari, ha approvato la L.R. n. 18 del 18/10/2018 che così recita:

Obbligo dichiarativo dei deputati dell’Assemblea regionale siciliana, dei componenti della Giunta regionale e degli amministratori locali

1. Entro quarantacinque giorni dall’insediamento, i deputati dell’Assemblea regionale siciliana, il Presidente della Regione e i componenti della Giunta regionale che siano deputati nonché i sindaci, gli assessori comunali ed i consiglieri comunali e circoscrizionali sono tenuti a depositare, rispettivamente presso l’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea regionale siciliana e presso l’ufficio di Gabinetto del sindaco, una dichiarazione anche negativa sull’eventuale appartenenza a qualunque titolo ad
associazioni massoniche o similari che creino vincoli gerarchici, solidaristici e di obbedienza, qualora tale condizione sussista, precisandone la denominazione.
2. Entro quarantacinque giorni dall’insediamento, i componenti della Giunta regionale che non siano deputati sono
tenuti a depositare la dichiarazione di cui al comma 1 presso la Segreteria generale della Presidenza della Regione.

 

CHE AVANGUARDIA la SICILIA… sarebbe bello se riusciste a far dichiarare ai personaggi politici regionali se sono appartenenti a cosche di COSA NOSTRA… le solite cose … specchietti per le allodole…

Quindi io dovrei dichiarare anche: se sono Boy Scout, Lions, Rotary, Azione Cattolica, Fatebenefratelli, Francescani, Benedettini, tutti gli ordini monastici, tutte le associazioni e perchè no Esercito, Carabinieri ecc… sono tutti  con “appartenenza a qualunque titolo
… che creano vincoli gerarchici, solidaristici e di obbedienza…” o solo i massoni? Sarebbe incostituzionale dato che la Massoneria è riconosciuta come associazione a tutti gi efetti dallo stato assieme alle altre succitate… O NO?

Caffè espresso: ma ci si guadagna?

Ma siamo proprio sicuri che la vendita del semplice caffè espresso sia una bella fonte di guadagno per i nostri bar?

Beh, senza allarmismi, forse si! Ma non quanto magari immaginiamo. Pensate che con 1 kg di miscela caffè, dal costo medio di 21 euro (per 7 gr.), otteniamo circa 142 caffè al prezzo medio di 0.90 cent. cadauno, per un totale di 127 euro circa. Da questi vanno sottratti i caffè invenduti perché estratti male o quelli consumati dal personale.

Se invece, per distrazione di qualcuno, il nostro dosa-macinato fosse stato tarato a 8 grammi, otterremo 125 caffè per un incasso di 112,50 euro. 15 euro in meno di guadagno su ogni kg di caffè! E se il nostro locale consumasse 2 kg al giorno? E se invece ne consumasse 3 kg? A ciò bisogna aggiungere i costi accessori al servizio: zucchero, miele, fruttosio, dolcificante. In più va considerato il lavaggio stoviglie e i relativi detersivi, nonché la manutenzione e l’energia elettrica (una macchina da caffè consuma circa 6kw/ora). Aggiungiamo al tutto l’affitto del locale, l’ammortamento di arredamento e attrezzatura e, soprattutto, il costo del personale.

Ovvio, i conti non saranno uguali per tutti in quanto il “moltiplicatore” (ovvero il ricarico dei titolari di aziende per ammortare spese fisse e variabili) sarà diverso da struttura a struttura ma…..VOI AVETE FATTO BENE I CONTI!?!

 

Oggi a Modena Centro tutti (quasi) i Bar mi hanno detto che il caffè è aumentato a 1,20 Euro… io ho detto che non consumerò più caffè fuori casa… IL CAFFE’ NON E’ BENZINA…!

 

Il prezzo del caffè…

Carlo Nordio: Conflitto istituzionale/ Sulla politica migratoria non decidono le procure

Mentre si risolve, per il benemerito intervento della Chiesa, dell’Irlanda e dell’Albania, l’aspetto umano della nave “Diciotti”, si complicano l’aspetto giuridico e quello politico. Cerco di riassumerne le ragioni.

L’aspetto giuridico. Secondo notizie di stampa, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e il suo braccio destro sarebbero indagati per arresto illegale, sequestro di persona e abuso d’ufficio. Il provvedimento sarebbe stato adottato dopo la deposizione di due alti dirigenti del Ministero. La prima osservazione è che questi verbali dovrebbero esser segreti, come segreta dovrebbe esser tutta l’indagine. Non vorremmo che si ripetesse la storia di Berlusconi cui l’informazione di garanzia fu notificata a mezzo stampa, senza che nessuno abbia mai individuato il responsabile.

La seconda osservazione è che, sempre a sentire i “testimoni”, mancherebbe un atto formale del Ministero nell’individuazione del porto di approdo e delle ragioni della sosta a Catania. Se così fosse, i problemi sarebbero immensi. Intanto, in assenza di un documento ufficiale, è quasi impossibile ricostruire la decisione ministeriale, il suo contenuto e il suo iter formativo. Poi è difficile capire se il porto di Catania sia stato individuato come porto di solo transito, o come porto “sicuro”, o cosa altro.
E ancora, la competenza: l’indagine preliminare è ovviamente attribuzione del Tribunale dei Ministri, e pare che sia già stata avviata la procedura di trasmissione del fascicolo. Ma il mittente dev’essere la Procura Distrettuale competente: che è Catania o Palermo? Mah! Infine i reati: l’arresto illegale presuppone, appunto, un arresto in senso tecnico, e qui pare invece che non sia stato arrestato nessuno.

Quanto al sequestro di persona, se Catania era solo un porto di transito, il problema ovviamente non si pone. Se invece era quello di approdo, è valutazione discrezionale del Ministro decidere se uno sbarco sia compatibile con l’ordine pubblico. Contestare un sequestro di persona, che per definizione dev’esser illegale, a un ministro che – con tutte le legittime critiche etiche e politiche – fa il suo mestiere, è dunque un paradosso.

Sarebbe come accusare il Procuratore di Agrigento di aver turbato l’attività politica di un ministro con la minaccia di mandarlo sotto processo! Resta l’abuso di ufficio, cui prudentemente è ricorsa la Procura come rete di protezione per eventuali derubricazioni delle ipotesi precedenti. Ma è un reato così vago e fumoso che è ben difficile provarne la commissione, soprattutto in un’ attività altamente discrezionale.

E ora l’aspetto politico. Che il ministro Salvini si sia espresso, e continui a esprimersi, in sedi non istituzionali e in termini pittoreschi, è circostanza che, al netto di qualche consenso immediato ed emotivo, rischia di svalutare il prestigio e l’autorevolezza dell’Istituzione. Che però si prospetti, anche solo astrattamente, una sua “delegittimazione” o un suo allontanamento per un’iscrizione nel registro degli indagati è una stupidaggine così colossale che, se non vivessimo in Italia, non varrebbe nemmeno la pena di parlarne.

Poiché infatti l’iscrizione è automatica a seguito di una denuncia che non sia anonima, noi faremmo dipendere la sopravvivenza di un ministro, e magari di un governo e di una legislatura, non solo da un’eventuale iniziativa improvvida di un magistrato operoso, ma addirittura da quella, interessata, di un cittadino motivato. Per fortuna i grillini, avvicinandosi alle stanze dei bottoni, hanno capito che questa follia andava espunta dal loro codice etico.

Concludo. Noi speravamo che, dopo la parentesi berlusconiana, quando i magistrati erano sospettati di imbastire processi per fermare il Cavaliere, e quest’ultimo era sospettato di produrre leggi per fermare i processi, tra giustizia e politica si fosse conclusa una tregua. Ora queste speranze cominciano a svanire. Le iniziative di questi giorni saranno anche doverose, ma rischiano di generare pericolose interferenze della magistratura nella delicatissima gestione di un fenomeno che può essere affrontato solo con gli strumenti della politica, preferibilmente in un contesto europeo o addirittura mondiale.

L’idea che le Procure possano intervenire nelle scelte migratorie è non solo bizzarra, ma irrazionale e ingestibile, non foss’altro perché i Pm non hanno un indirizzo unitario, non sono ordinati gerarchicamente, e, cosa più importante, non subiscono alcuna sanzione per eventuali scelte sbagliate. Mentre infatti un ministro incapace, imprudente o inetto può esser mandato a casa dal Parlamento o dagli elettori, un Procuratore può cumulare errori catastrofici senza rispondere a nessuno.

Quanto alle conseguenze di queste indagini, esse rischiano di avere, naturalmente contro la volontà di chi le conduce, “oggettive” conseguenze politiche. Potrebbero indebolire il Governo, e quindi pregiudicare la legislatura; ma potrebbero anche rafforzarlo, come indicano i sondaggi tra i cittadini, perplessi che si indaghi un ministro e si lascino in pace scafisti e trafficanti. In entrambi i casi qualcuno potrebbe aver la tentazione di valersi ancora una volta dell’arma giudiziaria per conseguire risultati altrimenti irraggiungibili.

E in entrambi i casi ne uscirebbero ancora più malconcie tanto la politica quanto la giustizia.

http://agenziaradicale.com/index.php/rassegnaweb/5468-carlo-nordico-conflitto-istituzionale-sulla-politica-migratoria-non-decidono-le-procure

E she ci fosse una nuova strategia in questo disastro?

“La favoletta dell’imminente crollo del ponte”, sul blog di Grillo le parole che imbarazzano M5S In Liguria il nascente Movimento aveva sposato la battaglia contro la nuova autostrada di Ponente, la Gronda.

 Accorre, il governo, intorno alle macerie del Ponte Morandi. Si sollevano parole di cordoglio, solidarietà, promesse di giustizia e di energici interventi. Ma le liturgie politiche si scompaginano quando un elemento inconsueto, l’ imbarazzo, si insinua tra le file del Movimento 5 Stelle. Vengono dissotterrate le posizioni di quel grillismo che sposava la tesi della «favoletta del crollo del Ponte Morandi», che si batteva contro il progetto della nuova autostrada e che ora, al governo, si trova costretto a sfumare le proprie posizioni, fino quasi a rinnegarle.  «È un doppio disastro», ammette d’altronde un parlamentare ligure del M5S, «da una parte per le vittime e le loro famiglie, dall’altra perché nelle prossime settimane ci getteranno nel tritacarne per le nostre battaglie sul territorio». La nascita del grillismo in Liguria è infatti legata a doppio filo alle lotte dei No Gronda, proprio come è avvenuto in Piemonte con i No Tav, a Parma con i No Inceneritore: comitati di cittadini contrari alla costruzione di una grande opera, supportati da un Movimento che ha bisogno di crescere. Qui, il progetto da fermare era quello della nuova autostrada di Ponente, la Gronda, che collegherebbe Genova a Vesima, sostituendo così il tratto più pericoloso dell’A10 (dove si passava su Ponte Morandi).  

E il Movimento delle origini sposa la battaglia. Già nel 2012, quando l’allora presidente di Confindustria Genova lancia l’allarme sul rischio di un «crollo tra dieci anni» del Ponte Morandi e sulla conseguente necessità della costruzione di una nuova autostrada, il consigliere comunale M5S Paolo Putti, proveniente proprio dal comitato No Gronda ed ex candidato sindaco, risponde: «Magari questa persona, prima di utilizzare questo tono un po’ minaccioso – perché dice: “Ci ricorderemo il nome di chi adesso ha detto No!” -, dovrebbe informarsi. Perché dice che il Ponte Morandi crollerà fra 10 anni, ma a noi Autostrade ha detto che per altri cento anni può stare in piedi». 

 I nodi si stringono e un anno dopo, ad aprile, sul blog di Beppe Grillo viene messo in risalto un comunicato del comitato di coordinamento No Gronda: «Ci viene poi raccontata, a turno, la favoletta dell’imminente crollo del Ponte Morandi». Ed è lo stesso Grillo, nel 2014, durante la kermesse romana di “Italia 5 Stelle”, a schierarsi apertamente contro il progetto della nuova autostrada: «Dobbiamo fermarli con l’esercito!», urla dal palco. Era il tempo della protesta, della rabbia che catalizzava i voti. Oggi, invece, quelle posizioni sono un bagaglio ingombrante, che mette a disagio gli uomini del Movimento.Tanto da richiedere l’intervento del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che però va su tutte le furie: «Delle polemiche me ne frego altamente. Chi le sta fomentando, in momenti così drammatici, è uno sciacallo».  

 Il nervosismo è palpabile. «Sì, al tempo forse è stato sottovalutato il pericolo del crollo», concede il sottosegretario alle Infrastrutture Michele Dell’Orco, «ma stiamo parlando di un commento sul blog di Grillo. Non di un esponente di questo governo». Segno, dunque, che il vento potrebbe cambiare ancora. Come testimonia la doppia rimozione del post dei No Gronda sul blog di Grillo e del tweet del deputato M5S Massimo Baroni, in cui si sosteneva la battaglia contro il progetto della nuova autostrada: «No alle grandi opere inutili quando c’è da mettere in sicurezza le opere già esistenti». Tutto passato. Anche perché quel «No» del M5S alla Gronda, dopo il crollo del ponte, non è più scontato: «Dovrà rientrare nell’analisi costi-benefici», sottolinea Dell’Orco. E la valutazione dei tecnici, tra cui figura Marco Ponti, che si era già espresso in maniera critica nei confronti del progetto, «sarà molto più approfondita e potrebbe cambiare».  
http://www.lastampa.it/2018/08/15/italia/la-favoletta-dellimminente-crollo-del-ponte-sul-blog-di-grillo-le-parole-che-imbarazzano-ms-w4a0Z7U2cMwdRrSWNKIqZM/pagina.html
 

La società dei parrucconi

Ogni mattina mi alzo speranzoso, o secondo i sinonimi: fiducioso (agg.), ottimista (agg.), confidente (agg.), illuso (agg.). Sull’ultimo termine rifletto un po’. Ma come speranza è uguale a illusione? E dire che senza la speranza l’uomo sarebbe ormai estinto. Dico l’impulso vitale che vi è in ogni essere umano è appunto dettato da una presunzione di cambiamento, di trasformazione positiva degli eventi della vita e delle cose che lo circondano. Eppure questo neo, questa diacronia, questo strano termine “illuso” spesso mi appare più pertinente che “fiducioso”.

Dunque ricominciamo.
“Ogni mattina mi alzo speranzoso, anzi certo che…